Email marketing
Aug 05, 2016
BY MARCO CABBOI

Il ROI nell’era digitale: gli strumenti per migliorarlo

Home > Email marketing > Il ROI nell’era digitale: gli strumenti per migliorarlo
L’avvento delle tecnologie web ha reso possibile il calcolo preciso di ogni ritorno d’investimento sui progetti o campagne intrapresi da un’azienda. Esistono numerosi strumenti in grado di aumentare i profitti, ma uno in particolare garantisce il migliore guadagno: l’email marketing.

Il ROI, ritorno sull’investimento, rappresenta uno degli indicatori di bilancio più sfruttati nel mondo della finanza, ma non solo: oltre ad essere calcolato per capire l’eventuale incremento di profitti avvenuto in seguito a un investimento su azioni o strumenti all’interno di un’impresa, infatti, è anche utilizzato, grazie alla sua versatilità, per testare i risultati di operazioni di marketing.

Il ROI è un indice che misura l’efficacia di un investimento dal punto di vista quantitativo: un ritorno d’investimento positivo equivale a un guadagno, che viene calcolato per ottenere una panoramica economica sulle entrate e le uscite che un’impresa affronta in un determinato periodo. In base ai risultati ottenuti, gli investimenti inerenti a una campagna verranno ridotti o ampliati di conseguenza.

 

Il ROI 2.0

Il ROI è di fondamentale importanza per le aziende, in quanto permette di valutare ogni scelta evitando di incorrere in fallimenti. Esso è particolarmente utile nel mondo del web marketing, perché consente di selezionare i canali digital che possono generare maggiori profitti: avrai l’opportunità di investire le tue risorse sui mezzi che incrementano maggiormente i guadagni.

L’esperto di web marketing Chris Kyriacou afferma che esistono quattro canali digital che permettono di ricavare un ritorno d’investimento maggiore:

  • Mobile marketing

  • Social media

  • Siti web responsive

  • Email marketing

ROI nell'era digitale

Come incrementare i tuoi guadagni a costo zero

Soffermiamoci sull’ultimo canale citato, l’email marketing. È il canale più sottovalutato, in quanto viene spesso associato allo spam; sfatiamo questo falso mito con qualche dato fornito da Slikich, importante azienda di consulenza. Gli utenti sono contenti di ricevere mail dai brand che preferiscono, sentendosi parte di una comunità che rispecchia la loro identità: il 70% dei consumatori, infatti, apre le email che riceve. Ecco altri dati che possono aiutarti a capire l’importanza questo canale:

  • Il pubblico coinvolto in una campagna di email marketing spende l’83% in più nel momento in cui procede ad acquisti.

  • Il ritorno d’investimento dell’email marketing corrisponde a 44 dollari per 1 dollaro speso.

  • Le email risultano essere, se ben utilizzate, 20 volte più efficaci degli altri strumenti di marketing.

  • Il 64% dei consumatori apre un’email in base al suo oggetto.

  • Il 69% degli utenti iscritti a newsletter afferma di annullare l’iscrizione nel momento in cui inizia a ricevere troppo email.

  • Se un’email viene personalizzata avrà il 14% di possibilità in più di essere aperta e migliorerà il tasso di conversione del 10%.

  • Il 38% delle email sono aperte da dispositivi mobile e il 78% degli utenti email USA accederà al loro account via mobile entro il 2017.

  • Posizionare i pulsanti di condivisione rapida sui social in una email, migliora il tasso di apertura più del 115%.

Per i motivi sopracitati, le aziende decidono di investire sull’email marketing come canale per entrare in contatto e stabilire una relazione con i clienti. Recenti indagini di Direct Marketing Association, peraltro, hanno dimostrato che il ritorno d’investimento maggiore, grazie al basso costo dello strumento, si ottiene proprio con l’email marketing.

Si tratta, infatti, di uno strumento facile da utilizzare (nonostante, ovviamente, ci siano delle regole da seguire affinché sia efficace), oltre che veloce e affidabile. Un altro punto a suo favore è l’opportunità di misurare e controllare i risultati istantaneamente scoprendo quali contenuti hanno avuto maggior successo: analizzando questi dati potrai di conseguenza rimodellare il piano editoriale delle tue future campagne. Grazie alle email e alle newsletter mensili potrai informare a costo zero i tuoi clienti sulle novità o sulle offerte che riguardano la tua attività, facendoli sentire parte di una comunità. L’efficacia di questi strumenti è comprovata: alcuni dati, infatti, affermano che dopo l’invio di una newsletter il traffico verso il sito web aumento di 3-4 volte.

Le email ti permettono di stabilire un rapporto diretto con il cliente e ti danno la possibilità di venire a conoscenza di dubbi perplessità, ma anche suggerimenti o desideri che renderanno la tua campagna ancora più cliente-centrica. Il costante rapporto che sarai in grado di mantenere con il tuo pubblico grazie all’email marketing ti consentirà inoltre di rafforzare l’immagine della tua azienda e di dare un’identità al tuo brand.

L’email marketing, quindi, nonostante sia spesso sottovalutato, rappresenta lo strumento più economico ed efficace per incrementare il margine delle vendite e, con esse, il tuo ritorno d’investimento. Se vuoi avere più informazioni su come utilizzare i canali web per migliorare il tuo ROI, rivolgiti a WAM: saremo felici di supportarti nelle tue campagne web.

Scarica l'ebook con i 30 migliori consigli per generare leads

views
456
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Email marketing

Jun 16, 2017

By Sofia Marelli

Email marketing: 5 errori da evitare quando scrivi un’email a un lead

Email marketing

Apr 03, 2017

By Anna Giampaolo

Vietato spammare: consigli per inviare email che verranno aperte

Email marketing

Mar 27, 2017

By Sofia Marelli

Come usare l'email marketing per il settore immobiliare

Back to top