Permission marketing
Email marketing
Jul 09, 2020
Kristen Baird
Project Manager
Contact
twitter google+ email email linkedin linkedin

Il permission marketing: cos'è e quali sono i suoi vantaggi

Home > Email marketing > Il permission marketing: cos'è e quali sono i suoi vantaggi
Il permission marketing offre all'utente la possibilità di scegliere volontariamente di cosa vuole essere informato, senza sentirsi violato. Questo assicura che le aziende prestino maggiore attenzione al loro messaggio e creino un maggiore impatto. Conoscete i vantaggi del permission marketing?

Il termine permission marketing, ampiamente utilizzato nell'email marketing ma anche in molti altri ambiti del marketing digitale, è nato nel 1999 per descrivere un nuovo strumento o una nuova metodologia con cui le aziende vengono autorizzate ad inviare pubblicità, informazioni o promozioni grazie all'accettazione del destinatario. L'utente, quindi, può essere o meno un cliente dell'azienda ma - quasi certamente - è un potenziale cliente che ha accettato le condizioni per ricevere le informazioni.

Questo è il fattore che fa la differenza e che spicca ogni volta che si parla di permission marketing: l'utente accetta di ricevere le informazioni perché c'è una predisposizione all’ascolto e quindi alla fruizione. Almeno in un primo contatto, è il passaggio dall'opt-out (disattivazione opzionale) all'opt-in (attivazione opzionale).

L'idea ha cominciato a circolare nel marketing tradizionale in seguito all'eccesso di impatti pubblicitari che venivano inviati. Ciò ha portato all'utilizzo di diverse tecniche per ottenere il permesso di "impattare" sull'utente e migliorare così la digital customer experience

Oggi viene utilizzato sia nel marketing off-line che in quello online (in quest'ultimo ancora di più). Le tecniche sono state molto varie e la creatività ha giocato un ruolo importante nella loro evoluzione. Anche se l'intenzione è quella di generare valore sufficiente per attrarre direttamente l'utente, le idee per catturare l'attenzione e l'intenzione dell'utente si sono sviluppate molto nel marketing indiretto o permission marketing.

Oggi, inoltre, il permission marketing è più che mai indispensabile. Con l'arrivo in Europa nel 2018 del GDPR è entrato in vigore il regolamento per cui l'utente deve dare il consenso esplicito a trasferire i propri dati su Internet. Per questo motivo la trasparenza è diventata un pilastro fondamentale nella costruzione delle relazioni con il consumatore. 

 

Vantaggi del permission marketing

Nel caso in cui abbiate ancora dei dubbi sul perché dovreste scommettere sul permission email marketing, ecco di seguito altri benefici:

  1. Smettiamo di essere invadenti, di attaccare il consumatore e/o di ostacolare la sua vita quotidiana, e passiamo a una strategia che mira ad attirare la sua attenzione, ad attrarre e convincere attraverso una comunicazione a due vie. Bisogna fare attenzione: non essere invadenti significa non sovraccaricare, quindi anche se conosciamo la predisposizione dell'utente a ricevere informazioni, non dobbiamo cadere nella trappola di impattare esageratamente.

  2. L'utente è in attesa di ricevere informazioni. Pertanto, siamo riusciti a guadagnare la loro attenzione e ad essere nel loro 'top of mind' come un brand X. La strategia migliore ora è quella di mantenere attivo questo punto e anche di migliorarlo, in modo da non essere solo nella loro mente, ma di farli diventare ambasciatori del nostro brand affinché parlino di noi ai loro conoscenti, contatti e amici.

  3. Possiamo memorizzare più informazioni e segmentare il database, il che ci permette di avere informazioni più ordinate e preziose. Una lista di contatti o e-mail è una miniera d'oro e, ben segmentata, sarà più facile da sfruttare.

  4. Attraverso una conversazione attiva, dovremmo essere in grado di migliorare il nostro messaggio, poiché abbiamo sempre più informazioni sull'utente. Questo ci permette di offrire contenuti più idonei e accurati per ogni consumatore, di convincere l'utente e quindi di fargli acquistare un nostro prodotto, contattarci o richiedere un preventivo.

 

Il permission marketing è simile all'Inbound Marketing, quindi i due sono compatibili, se non inseparabili. La metodologia Inbound è rappresentata in alcuni dei pilastri che compongono il permission marketing. Per esempio, abbiamo bisogno di una fase di "awareness" per farci conoscere, e una "attract", con cui attirare l'attenzione per poi convertire.

Gmail: tecniche di permission marketing

Questa tecnica, basata sul one-to-one marketing, prende le distanze dal marketing di massa e si concentra sulla segmentazione e sulla personalizzazione, che sono fondamentali per il marketing presente e futuro. Come ha detto Seth Godin: "non trovate clienti per i vostri prodotti, trovate prodotti per i vostri clienti".

 

Come fare permission marketing

  1. Valutare il proprio prodotto e chiedersi se abbia abbastanza valore e potere come brand per attrarre l'utente.

  2. In una seconda fase bisogna ottenere il permesso o l'accettazione da parte del potenziale cliente per ricevere pubblicità, informazioni o qualsiasi altra azione che ci permetta di promuovere il nostro brand.

  3. Segmentare gli utenti e disporre di un database ottimizzato. Come in ogni strategia di email marketing, la segmentazione è la base per inviare le informazioni esatte alla persona specifica.

  4. Preparare un contenuto specifico per ogni utente ben definito, in modo che le informazioni esatte siano inviate alla persona specifica, migliorando così i tassi di conversione e l'efficacia di ogni campagna.

  5. Iniziare a comunicare con due obiettivi:

    1. Creare una conversazione a due vie

    2. Convincere

  6. Riuscire a vendere, a fare un preventivo, a ottenere richieste, ecc.

A seconda del tipo di prodotto o servizio, potrebbe costare di più guadagnare la fiducia dell'utente. Da qui l'importanza di definire il contenuto perfetto per ciascuno di essi nel momento più opportuno. Fare lead nurturing è essenziale. 

Nel libro "Permission Marketing" scritto da Seth Godin nel 1999 sono raccolte tutte queste nozioni chiave, rendendo molto chiara l'importanza di non fare azioni che infastidiscono il consumatore, ma aspettare che le accetti volontariamente perché sono di suo gradimento. 

Esempi di permission marketing

Possiamo trovare esempi di permission marketing molto facilmente se guardiamo il nostro comportamento su Internet. Quando utilizziamo un social network e seguiamo un'azienda dal nostro profilo Facebook o Twitter, diamo il permesso a quell'azienda di mostrarci i suoi contenuti sulla nostra interfaccia. Su Youtube, quando ti abboni ad un canale, ricevi un avviso ogni volta che quel canale pubblica nuovi contenuti.

Campagne di permission marketing

Le campagne opt-in sono l'esempio più chiaro di permission marketing. Queste campagne consistono nell'offrire un modulo in cui l'utente ammette volontariamente di voler ricevere informazioni (newsletter, promozioni, offerte, mail informative) sul brand, prodotto o servizio in questione. Normalmente questo viene collocato da qualche parte sul sito web con chiari CTA come "Iscriviti qui" o "Ricevi le nostre offerte via e-mail", per far capire all'utente cosa sta accettando e a non cadere in confusione o in errore che lo potrebbero a cancellazioni, spam, segnalazioni, o anche reclami per il mancato rispetto del GDPR.


In breve, il permission marketing è una tecnica che fornisce contenuti personalizzati e rilevanti al nostro cliente, che anticipa le informazioni da lui richieste. È un metodo prevalentemente digitale che viene alimentato dalle strutture che la rete ci offre per interagire con il nostro pubblico. Grazie al permission marketing puoi distinguerti dalla massa degli impatti pubblicitari con un messaggio tutto tuo, che si adatta come un guanto a ciò di cui ha bisogno il tuo utente. 

 

views zoom copy 17
169
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Email marketing

Jun 16, 2017

By Sofia Marelli

Email marketing: 5 errori da evitare quando scrivi un’email a un lead

Email marketing

Apr 03, 2017

By Anna Giampaolo

Vietato spammare: consigli per inviare email che verranno aperte

Email marketing

Mar 27, 2017

By Sofia Marelli

Come usare l'email marketing per il settore immobiliare