Scopri cos’è e come funziona la metodologia SCRUM
Sales Enablement
Mar 05, 2020
Encarna Abellán
Head of Project Management
Contact
twitter google+ email email linkedin linkedin

Metodologia Scrum: cos’è e come funziona

Home > Sales Enablement > Metodologia Scrum: cos’è e come funziona
Quando si avvia un progetto, tutta l’azienda deve assicurarsi che il team coinvolto conosca i suoi task e le scadenze per le consegne. Scrum è una metodologia che ci aiuta nel lavoro e, inoltre, ci permette di mostrare i risultati ai clienti in modo più agile attraverso iterazioni di breve durata.

Scopri cos'è e come funziona la metodologia Scrum

La metodologia Scrum è una modalità strutturata e pianificata o framework di lavoro che si utilizza all’interno di team che gestisce progetti complessi. In altre parole, Scrum è una metodologia agile che mira a presentare risultati utili in tempi brevi. Per fare ciò sfrutta tre concetti chiave: la trasparenza, il controllo e l’adattamento. Questo focus consente al cliente, insieme al proprio team di vendita, di portare rapidamente i propri prodotti sul mercato e di avviare le vendite in un processo chiamato Sales enablement.

Su cosa si basa la metodologia Scrum?

Essendo una metodologia agile, Scrum si basa su aspetti come:

  • Flessibilità nell'adozione di modifiche e di nuovi requisiti all’interno di un progetto complesso.

  • Il fattore umano.

  • La collaborazione e l'interazione con il cliente.

  • Lo sviluppo iterativo come modalità per garantire buoni risultati.

I pilastri o caratteristiche della metodologia Scrum più importanti sono 3:

Pilastri della metodologia Scrum

1. Trasparenza

Con il metodo Scrum tutte le parti interessate sono a conoscenza di tutto ciò che succede all’interno del progetto. Questa trasparenza garantisce la comprensione reciproca e una visione globale per tutte le parti interessate. 

2. Controllo

I membri del team Scrum controllano spesso i progressi per individuare eventuali problemi. Il controllo non è un esame quotidiano, ma un modo per sapere come scorre il lavoro e se il team funziona in modo auto-organizzato.

3. Adattamento

Quando c'è qualcosa da cambiare, il team si adatta per raggiungere l'obiettivo dello sprint. Questa è la chiave per avere successo in progetti complessi, dove i requisiti cambiano frequentemente o sono poco definiti e dove l'adattamento, l'innovazione, la complessità e la flessibilità sono fondamentali.

 

Ruoli nel team Scrum

Con la metodologia Scrum, il team deve apportare  valore e risultati di qualità per raggiungere gli obiettivi di business del cliente.

Per fare ciò, i team Scrum sono auto-organizzati e multifunzionali. In altre parole, ciascuno è responsabile di compiti specifici e del loro completamento nei tempi concordati. Questo garantisce la consegna del valore dell'intero team, senza bisogno di aiuto o di supervisione approfondita da parte di altri membri dell'organizzazione.

Nello Scrum ci sono 3 ruoli molto importanti: il Product Owner, lo Scrum Master e il Team di sviluppo.

Come si sviluppa la metodologia Scrum?

1. Product owner:

Il Product Owner ha la responsabilità di massimizzare il ritorno dell’investimento (ROI), identificando le feature del prodotto e assegnando le priorità.  La massimizzazione del valore del lavoro viene a seguito di una buona gestione del Product Backlog, concetto che spiegheremo in seguito.

Il Product Owner è l'unico profilo che dialoga costantemente con il cliente, il che lo obbliga ad avere molte conoscenze di business.

Un team Scrum può avere un solo Product Owner e il Product Owner può far parte del Team di sviluppo.

2. Scrum Master:

Il suo compito è fare in modo che le tecniche Scrum vengano comprese e applicate nell'organizzazione. Lo Scrum master è un leader che si occupa di eliminare gli impedimenti o gli inconvenienti che il team può incontrare all'interno di uno sprint (che esamineremo nel dettaglio in seguito), applicando le migliori tecniche per rafforzare il team di marketing digitale.

All'interno dell'organizzazione, lo Scrum Master ha il compito di aiutare l’adozione di  questa metodologia da parte di tutti i team.

3. Team di sviluppo

Sono i responsabili del completamento delle attività in base all'ordine di priorità stabilito dal Product Owner. Come detto in precedenza, il team di sviluppo è multifunzionale e auto-organizzato. Inoltre, sono gli unici a stimare le attività del product backlog senza alcuna influenza esterna.

I team di sviluppo non hanno sub-team o specialisti. Il motivo è la responsabilità condivisa. 
 

I Milestones della metodologia di lavoro Scrum

Step del Processo Scrum

Il grafico descrive gli step all’interno del processo Scrum. Lo sviluppo ciclico si realizza in diversi sprint, al cui interno troviamo: sprint planning, daily meeting, sprint review e sprint retrospective.

1. Sprint

Lo sprint è il cuore dello Scrum, perché è l'epicentro. Tutto ciò che accade per dare valore è all’interno di uno sprint. La durata massima è di un mese, ma il tempo è determinato in base a quanto il cliente  comunica con il team. Avere degli sprint lunghi può causare la perdita di feedback preziosi da parte sua e mettere in pericolo il progetto.

2. Sprint planning

Lo Sprint Planning è una riunione dove l'intero team Scrum definisce i compiti da completare e l'obiettivo dello sprint. Il primo incontro per uno sprint di un mese può finire per durare otto ore.

Il team dovrà porsi le seguenti domande:

  • Che cosa dovremmo fare in questo sprint? Sulla base di questo, si scelgono i compiti del Product backlog.

  • Come lo faremo? Il team di sviluppo definisce i compiti necessari per completare ogni  voce definita nel Product Backlog.

La definizione di ciò che sarà fatto implica che il team abbia un obiettivo e sia coinvolto nel fornire il risultato che sarà dato al cliente alla fine dello sprint. Questo si chiama sprint goal.

Il risultato di questa riunione sono lo sprint goal e lo sprint backlog (che verrà trattato più avanti).

3. Daily meeting

È una riunione quotidiana all'interno dello sprint che dura al massimo 15 minuti. Ad essa devono partecipare obbligatoriamente il team di sviluppo e lo Scrum Master. Il Product Owner invece non ha bisogno di essere presente.

In questa daily il team di sviluppo pone le seguenti tre domande:

  • Cosa ho fatto ieri?

  • Cosa devo fare oggi?

  • Ho qualche impedimento che non mi permette di andare avanti?

Questa riunione è la più indicata per poter verificare il lavoro e potersi adattare in caso di cambi necessari  all'interno dello sprint.

4. Sprint review

La review alla fine di ogni sprint serve per controllare i risultati da presentare al cliente. La sua durata è di 4 ore per gli sprint mensili, ed è l'unica riunione di Scrum a cui il cliente può assistere. In essa il Product Owner presenta ciò che è stato sviluppato e il team di sviluppo ne mostra il funzionamento. Il cliente approva le modifiche apportate e fornisce anche feedback su nuove attività che il Product Owner dovrà aggiungere al Product backlog.

5. Sprint retrospective

La retrospettiva è l'ultimo “rituale” della metodologia Scrum: ha una durata di 3 ore per gli Sprint di un mese, ed è la riunione del team in cui si effettua una valutazione di come la metodologia sia stata implementata nell'ultimo sprint.

È una grande opportunità per il team Scrum di autovalutarsi, proponendo miglioramenti da implementare nello sprint successivo.

Il risultato: una lista di miglioramenti da applicare già il giorno successivo, in quanto alla fine della fase retrospettiva inizia immediatamente un nuovo sprint e con lui tutti i rituali appena descritti: sprint planning, daily meeting, sprint review e la già citata sprint retrospective.

 

Strumenti per la metodologia Scrum

Gli strumenti utilizzati in Scrum sono scelti per massimizzare la trasparenza all'interno del team; ciò significa che ognuno ha la visione di ciò che sta accadendo nel progetto.

Gli strumenti principali di Scrum sono: product backlog e sprint backlog.

1. Product backlog

Product backlog e sprint backlog: Metodologia Scrum

Source

Fondamentalmente, il product backlog è l'elenco delle attività che compongono un intero progetto. Tutto ciò che dovremmo fare deve essere inserito nel product backlog con una stima di  tempistiche stimata dal team di sviluppo.

L’unico che ha la responsabilità di ordinare il product backlog è il Product Owner, che è in costante comunicazione con il cliente per garantire che le priorità siano ben definite.

Anche la gestione è al 100% responsabilità del Product Owner, per cui le attività indicate in cima alla lista devono avere la massima priorità.

Il team di sviluppo sceglie le attività di product backlog durante lo sprint planning per generare sia lo sprint backlog che lo sprint goal.

2. Sprint backlog

È il gruppo di attività del product backlog che il team di sviluppo sceglie nello sprint planning insieme al piano per poterle sviluppare. L'intero team deve esserne consapevole per garantire che il proprio focus rimanga su questo gruppo di attività. Lo sprint planning non può cambiare durante lo sprint, è consentita la modifica del piano solo per poter sviluppare le diverse attività.

Vantaggi e svantaggi della metodologia Scrum

Ora che abbiamo spiegato come funziona questa metodologia, possiamo parlare dei suoi vantaggi e svantaggi:

Vantaggi della metodologia Scrum

  • Scrum è molto facile da imparare: i ruoli, le fasi principali e gli strumenti sono chiari e hanno l’obiettivo di essere una metodologia molto molto vicina al nostro modo di lavorare quotidiano.

  • Il cliente può cominciare a usare il prodotto rapidamente.

  • Si velocizza il processo poiché si forniscono risulti al cliente molto frequentemente.

  • Minore probabilità di sorprese o eventi imprevisti, perché il cliente è sempre allineato allo status del progetto.

Svantaggi della metodología Scrum

  • Sebbene questa metodologia sia facile da imparare, è molto difficile da implementare. Ciò suppone una predisposizione e un cambiamento nella cultura organizzativa che deve passare dall'alta dirigenza fino ai clienti.

  • La necessità di avere team multidisciplinari può essere un problema, poiché è difficile trovare persone in grado di svolgere tutto il lavoro di un team.

  • Il team può puntare a fare il percorso più breve per raggiungere l'obiettivo di uno sprint, il che, però, non offre sempre risultati di qualità.

In breve, la metodologia Scrum è particolarmente interessante per i progetti in cui l'obiettivo è apportare continuamente valore al cliente e far vedere i risultati il prima possibile. Inoltre, questa metodologia consente di semplificare i processi, lavorare in modo totalmente trasparente  e motivare il team grazie all’autonomia e all’indipendenza.

 

Implementazione del metodo Scrum

In We Are Marketing lavoriamo con il metodo Scrum e abbiamo membri del team certificati come Scrum Masters (Web ufficiale Scrum). Sebbene questa metodologia sia stata inizialmente concepita per progetti di sviluppo web, la utilizziamo anche nelle nostre campagne di Marketing a 360 ° per offrire visibilità e controllo ai clienti sulle attività che svolgiamo.

 

 

views zoom copy 17
127
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Sales Enablement

Feb 06, 2020

By Encarna Abellán

Metodologia Agile: cos’è e che benefici apporta alle imprese?

Sales Enablement

Jan 10, 2020

By Belén Vidal

Come Creare una Strategia di Marketing Internazionale per il Turismo

Sales Enablement

Nov 01, 2019

By Encarna Abellán

Implementazione di metodologie per il project management