UX
Oct 25, 2016
BY MARCO CABBOI

Smartphone e settore bancario: come e perché creare un sito responsive

Home > UX > Smartphone e settore bancario: come e perché creare un sito responsive
App e mobile banking: il futuro delle banche passa attraverso gli smartphone, che stanno diventando lo strumento privilegiato dai clienti per effettuare le più comuni transizioni bancarie. Ecco in che modo i dispositivi mobile hanno cambiato la fisionomia degli istituti bancari, rendendo necessaria la realizzazione di un sito responsive, ottimizzato cioè per essere visualizzato da qualsiasi dispositivo.

La banca di oggi e di domani è multicanale. È una banca che dà ai clienti la possibilità di effettuare le normali operazioni bancarie non solo recandosi presso lo sportello della filiale, ma anche utilizzando Internet.

Per molto tempo le banche, e i loro clienti, hanno guardato a Internet con una certa diffidenza: la falsa convinzione che effettuare operazioni bancarie in autonomia, senza recarsi presso la sede fisica della banca, fosse poco sicuro ha frenato per molti anni lo sviluppo delle banche digitali. Ma oggi questa concezione è ormai superata: anzi, appare sempre più evidente che gli istituti bancari, per poter essere competitivi, devono accogliere le sfide del digital e non avere paura di fare proprie le nuove tecnologie.

Un primo, importante step è stato compiuto tramite l’home banking, grazie al quale l’utente ha la possibilità di gestire in piena libertà i propri risparmi e compiere una vasta gamma di operazioni bancarie (effettuare acquisti, predisporre transazioni, controllare saldi e movimenti…) comodamente da casa sua, in qualsiasi momento e senza essere costretto a fare lunghe file davanti allo sportello.

Oggi, però, il sistema bancario ha fatto un ulteriore passo in avanti, adottando strategie di mobile banking. Con questa espressione si intende la possibilità di utilizzare app per effettuare operazioni di vario tipo, tra cui consultare il saldo movimenti, effettuare bonifici, pagare bollettini e molto altro ancora. Il mobile banking prevede anche l’utilizzo, da parte dell’istituto bancario, di messaggistica istantanea (SMS o What’s App) per inviare comunicazioni immediate ai clienti, ad esempio ogni volta che viene effettuata un’operazione, aumentando così il livello di sicurezza e di controllo.

In questo contesto, le app sono un elemento imprescindibile che tutte le banche devono sfruttare al meglio per essere competitive. Ma non sono sufficienti: per proporre un servizio in grado di soddisfare le esigenze degli utenti, è necessario creare anche siti responsive, che siano quindi ottimizzati per la visualizzazione da mobile. Il 21 aprile 2015, infatti, si è verificato il cosiddetto Mobilegeddon: Google ha modificato il suo algoritmo per premiare, nei risultati di ricerca effettuato tramite smartphone e tablet, chi possiede la versione mobile di un sito, ai danni di chi ha solo la versione desktop. Pertanto, per qualunque azienda, è di vitale importanza disporre anche di una versione mobile.

Uno degli istituti bancari italiani che ha capito fin da subito questa urgenza è Intesa Sanpaolo, che oggi, grazie a un sito che performa, sia nella versione desktop che in quella mobile, in modo eccellente, in termini di velocità e di usabilità, si conferma come la banca numero uno online.

 

sito responsive

(Immagine: Intesa Sanpaolo)

Un altro istituto bancario che ha fatto dell’ottimizzazione su mobile uno dei suoi cavalli di battaglia è CheBanca!, la quale ha realizzato spot incentrati sulla possibilità di poter consultare il loro sito fully responsive da qualsiasi mobile e in qualsiasi situazione:

 

 

Siti responsive: una breve panoramica tecnica

Ma, da un punto di vista tecnico, che cos’è un sito responsive?

Secondo la definizione di Wikipedia, le caratteristiche di un sito responsive sono:

  • impaginazione grafica con griglie a proporzioni fluide

  • struttura flessibile

  • immagini flessibili

In questo modo, i contenuti di un sito possono essere disposti in modo differente, così da essere sempre consultabili senza dover compiere troppe operazioni di scorrimento, ridimensionamento e spostamento.

Ciò è possibile grazie alle caratteristiche della versione più recente del linguaggio CSS, che consentono di adattare l'impaginazione grafica all'ambiente nel quale il sito è visualizzato.

 

Ecco qualche consiglio fornito da HubSpot per ottimizzare il tuo sito per mobile:

 

1 - Scegli bene il font

Sono due le caratteristiche principali che deve avere il font del tuo sito responsive:

  • deve essere abbastanza largo per essere letto chiaramente, senza che l’utente sia costretto a strizzare gli occhi (Google consiglia, come misura minima di un font, almeno 12 pixels)

  • lo stile deve essere pulito, senza avere troppe decorazioni o orpelli

 

2 - Utilizza una navigazione “Touch-friendly”

Accertati che i bottoni, ad esempio le call to action, siano facilmente cliccabili: l’utente può diventare molto frustrato se si trova davanti tasti troppo piccoli.

 

3 - Non nascondere il codice

Affinché Google indicizzi al meglio il tuo sito sui dispositivi mobile, devi fate in modo che Googlebot e Googlebot-Mobile, gli spider web di Google, possano avere accesso a immagini, CSS e JavaScript del tuo sito: in caso contrario, Google non sarà in grado di analizzare correttamente la pagina.

 

4 - Fai in modo che il codice sia semplice

CSS e JavaScript troppo pesanti possono rallentare notevolmente il tuo sito, con conseguenze negative anche per l’indicizzazione. Per questo motivo, Google consiglia di comprimere o di “snellire” il codice del tuo sito, ovviamente laddove sia possibile.

 

5 - Accertati che i video si carichino facilmente

Quando inserisci un video di YouTube, di Vimeo o di qualsiasi altra piattaforma di video hosting, evita di usare i codici embed che iniziano con <object>; usa piuttosto quelli che iniziano con <iframe>, in quanto sono compatibili con una più ampia gamma di dispositivi mobile.

 

6-  Non usare immagini troppo pesanti

Immagini troppo grandi e, soprattutto, troppo pesanti rallentano notevolmente le performance di un sito visualizzato da mobile; pertanto, accertati di utilizzare soltanto immagini della dimensione giusta.

 

Una banca che mette a disposizioni app aggiornate e siti responsive è una banca che guarda al futuro, una banca in grado di distinguersi dalla concorrenza. Se desideri un aiuto per realizzare il tuo sito ottimizzato per il mobile, contatta WAM: grazie al nostro team di web development siamo in grado di offrire soluzioni funzionali, su misura delle tue esigenze. Per saperne di più sul legame tra tecnologia e banche, leggi il nostro blog post Perché il CRM è lo strumento più importante per il settore bancario.

 

Scarica l'ebook con i 30 migliori consigli per generare leads

views
501
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
UX

Sep 01, 2017

By Gianluca Fiorelli

3 modi per migliorare la UX con il Machine Learning

UX

Mar 13, 2017

By Anna Giampaolo

User experience e Real Estate: come facilitare la ricerca di una casa

UX

Oct 28, 2016

By Anna Giampaolo

Travel marketing: come creare un sito web che generi conversioni

Back to top