Branding
Aug 03, 2018
BY BELÉN VIDAL

Turismo e Tecnologia: come il digital sta rivoluzionando il settore turistico.

Home > Branding > Turismo e Tecnologia: come il digital sta rivoluzionando il settore turistico.
I progressi tecnologici hanno cambiato il modo in cui viaggiamo permettendo un'esperienza ancora più interattiva ed emozionante. Vuoi sapere cosa hanno in serbo per noi, in un futuro non troppo lontano?

Oggi nessuno ha più dubbi sull'importanza del digital nel settore turistico e di come abbia influenzato e continui a plasmare il modo in cui viaggiamo: dalla scelta della destinazione, alla valutazione di ciò che possiamo fare una volta arrivati in vacanza, e persino a ciò che possiamo fare una volta rientrati. 

È così importante che, secondo uno studio di Google Travel, il 74% dei viaggiatori pianifica i propri viaggi su Internet, mentre solo il 13% continua a rivolgersi alle agenzie di viaggio.

Chi non è andato da qualche parte solo perché Ryanair offriva biglietti di andata e ritorno a 30 euro?

Se ci viene voglia di fare un viaggio, andiamo online, cerchiamo le destinazioni più economiche da raggiungere e, voilà, si parte! Questo scenario era impensabile fino a qualche anno fa.

Possiamo trovare molti spunti e informazioni online su come la tecnologia sta influenzando il settore del turismo. Da Team Leader per l’area Travel di WAM, voglio condividere con voi quanto ho appreso, sia a livello professionale che personale, concentrarmi principalmente sull’utilizzo dei cellulari e dei tablet, non esistendo più il roaming all’interno nell'Unione europea.

 

Tendenze tecnologiche nel turismo
Alcuni mesi fa, il Centro Tecnologico Eurecat ha parlato al Forum TurisTIC di Barcellona, presentando le tecnologie che più hanno segnato il settore turistico.
Durante l'evento, Xavier Cubeles, esperto di cultura e turismo per Eurecat, ha osservato che "l'industria dei viaggi si trova nel mezzo di una profonda trasformazione" in cui "Internet e i dispositivi mobile hanno cambiato il modo in cui le persone progettano e vivono i loro viaggi e hanno avuto un impatto sul i profili professionali più richiesti e il modo in cui le destinazioni vengono promosse".

Ma vediamo insieme alcuni dei progressi tecnologici che attualmente stanno lasciando il loro segno nel settore e, secondo vari studi, porteranno nel breve periodo a cambiamenti significativi.

 

Tecnologia mobile
Il cellulare è indubbiamente il protagonista del nuovo modo di viaggiare. È diventato la nostra guida turistica, la nostra agenzia di viaggi, il miglior localizzatore di ristoranti, la “cartina” per orientarsi e tanto altro ancora. È al nostro fianco per tutto il percorso di acquisto. Secondo TripAdvisor, infatti, il 45% degli utenti usa il proprio smartphone per tutto ciò che riguarda le vacanze. Questo è il motivo per cui è necessario adattare i servizi e le comunicazioni che offriamo, a questi dispositivi. 

Ad esempio, KLM ha già creato un servizio di informazioni per i passeggeri che utilizzano Facebook Messenger. Questo sistema, una volta effettuata una prenotazione, invia all'utente le informazioni relative al proprio biglietto tramite Facebook Messenger, la carta d'imbarco e gli aggiornamenti in tempo reale sullo stato del volo acquistato. In questo modo l'utente ha tutte le informazioni necessarie a portata di mano utilizzando un'app che già aveva ed evitando di dover scaricare app aggiuntive.
 

Realtà aumentata
Anche la realtà aumentata (AR) o la realtà virtuale (VR) sono entrate nel mondo dei viaggi, grazie a tutte le possibilità che possono offrire. Sempre più aziende la utilizzano per mostrare agli utenti l’esperienza che andranno a fare, dalla cabina di una nave da crociera al trasportarli, per alcuni secondi, sulla Grande Muraglia cinese.
Oggi è possibile "teletrasportarsi" negli angoli più remoti del pianeta senza scendere dal divano. Questo è ciò che puoi ottenere usando l'applicazione EVEREST VR di Everest, che ti consente di vedere il tetto del mondo senza dover salire fino in cima. Oppure, se preferisci, puoi attraversare il Grand Canyon in kayak godendoti panorama e i suoni.
 

Internet of Things (IoT)
L'Internet of Things (IoT) promette di apportare migliorie davvero significativi all'industria del turismo. Per esempio? Sensori integrati connessi a Internet all'interno di automobili, valigie, edifici e tanto altro.
Infatti, l'ITH spagnolo (Instituto Tecnológico Hotelero) ha affermato che l'Internet of Things "sarà il principale elemento di trasformazione nella personalizzazione dell'esperienza del cliente nei prossimi anni".
Alcune proprietà della Virgin Hotel offrono ai propri clienti un'app che consente loro di interagire con il termostato della stanza o di controllare la televisione.  Ci sono anche dispositivi integrati che consentono agli utenti di utilizzare i loro telefoni cellulari per seguire la loro valigia evitando che venga smarrita o rubata.

 

Assistenti virtuali
Conosciamo tutti Siri e Alexa, gli assistenti virtuali di Apple e Amazon che soddisfano tutti i nostri bisogni. Com'è il tempo oggi a Milano? Accendi la radio? Apri la mia email? E tanto altro ancora. Si sta iniziando ad arruolare questo tipo di "aiuto" negli hotel, grazie all'arrivo di assistenti virtuali appositamente progettati per questo ambiente. 

IBM ha recentemente lanciato Watson Assistant, un assistente virtuale basato su AI che crea un'esperienza interattiva e personalizzata per i consumatori.
Open technology che si può impiegare e adattare ai bisogni dei singoli clienti, cambiando nome, da Watson per esempio al nome dell’hotel specifico. 

 

Big Data
Si è parlato molto di Big Data, ma ancora non sono state mostrate tutte le opportunità che può offrire al settore travel.  Molti operatori però lo stanno già utilizzando.
La catena alberghiera Meliá, per esempio, utilizza le informazioni dei propri ospiti per capire quale sia il target migliore per le sue campagne di marketing. Come? Esaminano il database per studiare l'importo speso, il motivo del viaggio, il paese di origine e, con il controllo incrociato di queste informazioni con i dati pubblici provenienti da fonti governative, riescono a sviluppare il profilo del cliente più appropriato e ottenere un tasso di successo più alto. In questo modo, potranno segmentare meglio le loro campagne, aumentando la loro efficacia e ottimizzando l'investimento fatto.

 

Blockchain
Blockchain è una tecnologia pronta a trasformare il mondo per come lo conosciamo. Sebbene sia principalmente associato al mondo finance, sembra che possa avere anche un impatto su travel.
Sebbene non sia ancora stato sperimentato ampiamente, potrebbe essere utilizzato per identificare i passeggeri all'aeroporto, garantire trasparenza nelle opinioni date dei turisti oppure per pagamenti facili e sicuri.

 

La mio techy trip in Europa.
Confesso di essere uno di quei viaggiatori che apprezza il comfort derivato dalla tecnologia mobile; soprattutto nei cosiddetti "viaggi non-stop". Ecco perché voglio condividere la mia esperienza su come la tecnologia ha influenzato il mio ultimo viaggio a Budapest, Vienna e Cracovia.

Pianificazione: prenotazioni online
Durante la pianificazione del mio viaggio, ho effettuato tutte le prenotazioni alberghiere online. L'ho fatto per anni, ma questa volta mi sono rimasta sorpresa da una speciale novità: ho potuto scaricare una guida gratuita su ogni città che avrei visitato. Mi piace sempre cercare informazioni aggiuntive sulle città che sto andando a visitare, e riconosco che questa”tattica molto Inbound” può motivare le persone a prenotare di nuovo usando quel portale web al prossimo viaggio. 
Tutte le prenotazioni che ho fatto, sia per i voli che per gli hotel, sono state salvate automaticamente nella mia casella di posta elettronica evitandomi di dover stampare tutto e quindi senza dovermi preoccupare di perdere qualcosa.

On the road? Il mio cellulare, il miglior co-pilota del mondo.
Viaggiare con uno smartphone e i dati attivi (grazie alla fine del roaming in Europa) è stata una rivelazione. Mi mandava alert rispetto alle tratte e alle prenotazioni da me fatte; era lì per indicarmi la strada quando mi perdevo (più di quanto potessi immaginare) in una città, per farmi compagnia negli spostamenti lunghi, e per aiutarmi a scoprire dettagli particolari sui luoghi che stavo visitando.

Post viaggio: condividere è rivivere!
Quando torno da un viaggio, mi piace sempre ripercorrere ciò che ho fatto, dagli hotel, ai ristoranti, alle attività e mi piace poter condividere con gli altri la mia esperienza ed essere di aiuto a chi volesse fare il mio stesso viaggio. Sono un fan della filosofia di Internet: collaborare e condividere la conoscenza in modo che tutti possano beneficiarne.  Ho fatto tutto comodamente dal mio telefono e dal divano di casa.
Il settore dei viaggi è quello in cui l'interazione con il consumatore sta diventando più critica e i progressi tecnologici stanno permettendo alle aziende di avvicinarsi e di conoscere meglio i loro clienti.
Steve Jobs ha dichiarato: "la tecnologia non è nulla, l'importante è che tu abbia fiducia nelle persone, che siano fondamentalmente brave e intelligenti, e se dai loro i giusti strumenti, faranno cose meravigliose".

Abbiamo gli strumenti. Ora la domanda è: cosa ne faremo?

views
190
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Branding

Jul 27, 2018

By José María Machuca

Project Management: Waterfall vs Agile. Quale metodologia scegliere e perchè.

Branding

Jun 26, 2018

By Perrine Ripert

Dal Top of Mind al Top of Google

Branding

Jun 08, 2018

By Tyler Haire

I tuoi Buyer Persona sono ben definiti o è il momento di aggiornarli?

Back to top