video marketing tips 2020
Content marketing
Oct 01, 2020
Manuel Estellés
Director of Creative Services
Contact
twitter google+ email email

Video marketing: 8 consigli per avere video di successo.

Home > Content marketing > Video marketing: 8 consigli per avere video di successo.
Oggi il video marketing è diventato un elemento chiave nelle strategie di marketing digitale. Per migliorare l’impatto e raggiungere il tuo target con un messaggio seducente e una presentazione dinamica, bastano pochi ma efficaci accorgimenti da tenere in mente in fase di produzione.

Consigli per fare video marketing

Prima di iniziare, una breve precisazione: quando parliamo di video marketing, ci riferiamo all'uso di file audiovisivi (video, fondamentalmente) per raggiungere una serie di obiettivi all'interno della nostra strategia di marketing. Si tratta di includere il video alla nostra strategia di contenuto per portare un plus di freschezza e novità. Questi video possono essere diffusi attraverso i social network aziendali o utilizzati all’interno di landing page o campagne di email marketing, ecc. 

L'uso del video marketing è diventato molto frequente nella maggior parte delle imprese. Il report "The State of Video Marketing 2019" redatto da Wyzowl rivela che l'87% delle aziende ha utilizzato il video come strumento di marketing nell'ultimo anno, e l'83% ha riconosciuto che questi video hanno ottenuto un buon ROI. Inoltre, quasi l'80% dei consumatori ammette di aver deciso di acquistare un'applicazione o un software dopo aver visto un video sull'argomento, e aggiunge che vorrebbe vedere più brand che optano per il formato audiovisivo per mostrare prodotti e servizi. Come dice il proverbio "un'immagine vale più di mille parole" e un video potente è uno strumento molto persuasivo per catturare l'interesse del pubblico. 

Come possiamo quindi creare un video virale o migliorare la qualità di un video in modo che acquisisca notorietà? Non esiste -ovviamente- una formula perfetta per la viralità (e se ci fosse, verrebbe usata da tutti) ma sicuramente ci sono  dei suggerimenti che possono aiutare, se seguiti, a  migliorare la produzione audiovisiva adatta al marketing digitale:

 

8 consigli per fare video senza morire nel tentativo

Conosci il tuo pubblico

Il primo passo da fare, prima di ogni altro, è conoscere a fondo il proprio pubblico. I video hanno un grande potere di stabilire delle connessioni emotive con lo spettatore, ma per farlo è necessario conoscere le sue esigenze, i suoi desideri, le sue aspirazioni e i suoi gusti.

Il buyer persona è uno strumento molto efficace per iniziare. È un documento in cui definite il vostro cliente ideale secondo parametri prestabiliti; il buyer persona vi obbliga a porvi le domande giuste e vi stimola a trovare le risposte. Se si dispone di tempo e risorse sufficienti, è sempre utile effettuare sondaggi o anche vere e proprie interviste con le persone per ottenere informazioni più dettagliate. E se così non fosse, c'è sempre Internet: si può cercare sui social network i profili che corrispondono al tuo pubblico e vedere quali video condividono, cosa gli piace e cosa non gli piace... Qualsiasi tipo di ricerca darà indizi preziosi. 

 

Definisci i tuoi obiettivi

Un solo video non può fare tutto. Beh, forse può, se si trova l'idea migliore del mondo, ma il più delle volte si definisce prima di tutto perché si sta per creare un video e con quale intenzione, e poi ci si mette all’opera. Attirare più traffico al tuo sito web? Ottenere più follower sui social network per creare una community? Convertire Lead in Clienti? Aumentare la notorietà e la reputation del tuo brand? Le possibilità sono evidentemente molteplici e, a seconda di ciò di cui si ha bisogno, si dovrà adattare il messaggio e il formato. 

 

Scrivi uno script + requisiti tecnici

La ricetta magica per realizzare un video di successo non esiste, e ci sono sicuramente decine di video che sono diventati virali spontaneamente, senza alcuna preparazione a monte. Normalmente, però, è meglio prendere carta e penna e sedersi a pensare. Serve infatti pianificare il video nel dettaglio: dialoghi, inquadrature, durata... Più tutto è misurato, meno spazio ci sarà per l'imprevisto, e questo significa risparmiare tempo e denaro. 

Si deve anche pensare ai requisiti tecnici di cui si avrà bisogno. Apparecchiature di registrazione, telecamere, microfoni, un altoparlante per registrare una voce fuori campo? Tenete tutto in mente per migliorare la qualità del video. Ricordate però che la maggior parte di noi oggi guarda video sui cellulari, e la qualità dell'immagine non ha bisogno di essere così alta su questo dispositivo, quindi se si hanno poche risorse ma si vuole comunque provare, ci si può concentrare  sulla parte creativa e registrarla come si può! Se l'idea è buona puoi raggiungere il tuo pubblico in ogni caso. 

 

Pensa ai canali di diffusione

Come abbiamo detto prima, un video oggi può essere trasmesso su diversi canali. I social network sono i principali. La piattaforma video per eccellenza è Youtube, con oltre 2 miliardi di utenti attivi secondo i dati del 2020. I video di circa 3 minuti sono i più popolari in questa piattaforma e la fascia di età più attiva è quella compresa tra i 16 e i 35 anni. Le persone di età maggiore infatti prediligono la televisione. 

Facebook, invece, premia i video ancora più brevi: quelli che durano tra i 21 e i 44 secondi sono i più popolari. Scommettere su Facebook, significa sapere che i video nativi caricati direttamente su Facebook hanno successo e sono molto più propensi a diventare virali rispetto a  quelli condivisi su Youtube. In aggiunta è utile sottolineare che i video sono condivisi più di qualsiasi altro tipo di formato, quindi il loro potenziale virale su Facebook è enorme. 

Infine, Instagram ha abilitato l’opzione Instagram TV per poter caricare video superiori al minuto in durata. Questo ci dà più flessibilità, ma la vera essenza di Instagram sono le sue storie di 15 secondi in cui, se riesci a condensare il tuo messaggio e a far si che sia molto attraente, il successo sarà assicurato.  

 

Video e SEO vanno di pari passo: ottimizza i tuoi video

Il SEO è una parte indispensabile del content marketing e questo include anche i video, non solo i testi scritti. È importante cercare le parole chiave relative all'argomento del tuo video, trovare i termini, gli hashtag, ecc. con cui le persone cercano contenuti simili a quelli che l’azienda vuole condividere e incorporarli nel pezzo che si sta preparando. Altri fattori necessari sono l'URL e la meta description, quando necessari. 

 

Scegli il focus del tuo video

Quando parliamo di contenuto puro, sappiamo che i video prodotti a scopo di video marketing possono essere declinati in diversi modi. Video didattici, tutorial, casi di studio, testimonianze, notizie, presentazioni di prodotti e molto altro ancora. Ogni approccio ha un suo obiettivo: se il prodotto della vostra azienda è un po' complicato da capire, saranno utili dei tutorial o dei video "how to"; se invece è appena stato lanciato sul mercato, sarà più calzante una presentazione descrittiva e molto informativa; se il servizio al contrario ha già avuto molto successo e da tempo, saranno utili dei video di testimonianze positive di clienti consolidati, per rafforzare la vostra brand image. Scommettete sulla soluzione più adatta alle esigenze della vostra azienda. 

 

Investi in pubblicità

Come creare un video virale su Facebook? Sicuramente aiuta spingere con un investimento iniziale. L'investimento economico nelle diverse piattaforme per promuovere video e farli arrivare al pubblico desiderato è una pratica molto comune, come si può vedere entrando  su Facebook o Instagram, dove troviamo sempre video sponsorizzati. 

Se prestate attenzione noterete che, la maggior parte delle volte, gli annunci video su Facebook corrispondono ai vostri gusti., Perché quindi non approfittarne e beneficiare? La pubblicità video su Facebook o la pubblicità su Youtube ci permette infatti di filtrare il pubblico in base a molte variabili per perfezionare e mantenere un maggiore engagement con il target di riferimento. . 

 

Misura i risultati

Infine, una volta completata la campagna di video marketing, lo step successivo è misurare e valutare i risultati nel modo più accurato possibile. Per fare questo è necessario utilizzare gli obiettivi sopra descritti e trovare un modo per quantificarli. I vostri KPI possono essere correlati al comportamento degli utenti (conversioni web, crescita nelle vendite del prodotto promosso o ricavi dalla monetizzazione video), al riconoscimento (visualizzazioni, commenti, portata del video) o alla reputazione del brand (è cresciuta o è diminuita dopo il video?). 

 

Ecco quindi gli 8 consigli per realizzare video, su Youtube, Instagram, Facebook o qualsiasi altra piattaforma che supporti la vostra campagna di marketing. Non dimenticate che una buona opera audiovisiva ha la capacità di moltiplicare la portata delle vostre azioni, di connettersi con i consumatori in modo emotivo e di costruire la loro fedeltà attraverso un buon storytelling.

views zoom copy 17
91
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Content marketing

Jun 18, 2020

By Gianluca Fiorelli

I contenuti, il vostro grande alleato in una strategia di marketing digitale

Content marketing

Sep 06, 2019

By Natalia Bergareche

L’ascesa dei podcast e del podcast marketing

Content marketing

Jul 26, 2019

By Natalia Bergareche

I microcopy spiegati dai nostri esperti | WAM