Inbound marketing
Mar 16, 2016
BY ANNA GIAMPAOLO

Guida essenziale all’Inbound Marketing: come funziona e come applicarlo

Home > Inbound marketing > Guida essenziale all’Inbound Marketing: come funziona e come applicarlo
Nato negli Stati Uniti, sempre in prima fila nella trasformazione digitale, l’Inbound Marketing si sta diffondendo da qualche anno anche in Italia. È meglio prepararsi perché questo nuovo modo di fare marketing è sempre più comune e se vogliamo competere con i grandi brand internazionali non possiamo farne a meno. Il cambiamento è inevitabile.

L'outbound Marketing (o advertising) è definito marketing di interruzione e nell’era dei mass-media è stato l’unico modo possibile con cui comunicare il proprio messaggio. Le aziende interrompono un programma TV con uno spot o la lettura online con un pop-up… per parlare del loro brand.

Al contrario, l'Inbound Marketing ha l'obiettivo di rispondere alle esigenze specifiche degli utenti in un preciso momento. Sapendo con esattezza a chi stiamo parlando (Buyer Persona), seguendoli durante il processo di acquisto e verificando l’efficacia di ogni azione fatta, possiamo diffondere messaggi più rilevanti e meno invadenti. Un tempo le aziende inseguivano il proprio target composto da profili generali, veri, ma dispersivi; i Buyer Persona invece prevedono l'approfondimento in relazione a uno specifico bisogno.

 

L’Outbound Marketing è media driven e si concentra sul reach. È uno strumento potente e soprattutto veloce, tuttavia ha il difetto di essere molto costoso, non misurabile e invadente per il consumatore… per il quale la pubblicità è quasi sempre una scocciatura!

L’Inbound Marketing è invece SEO driven. Si pone come obiettivo principale quello di attirare a sé gli utenti rispondendo alle domande che si fanno, a partire da quelle poste a Google, come per esempio: “Come posso risparmiare?” o “Che investimenti fare?”. È un marketing più mirato, volto a costruire relazioni one-to-one con gli utenti.

 

Outbound Marketing vs Inbound Marketing

iphy (3).gif iphy (4).gif

I tre fondamenti dell’Inbound Marketing

 

A. Buyer Persona

Per arrivare alla persona giusta, devi sapere a chi mirare, devi conoscerne i gusti, le abitudini e i desideri. Un tempo c’era il target, oggi invece ogni azienda deve costruire i suoi Buyer Persona sulla base dei dati anagrafici dei potenziali clienti, ma anche e soprattutto sulle ambizioni, i sogni, i bisogni e sulle “maschere” che indossano al momento di un acquisto. Se con il target si parlava di valori generici condivisi, i Buyer Persona ci consentono di fare valutazioni precise e rilevanti in relazione al prodotto o al servizio che offriamo.

 

B. Buyer Journey

L’Inbound Marketing cerca di attirare a sé l’utente ancora prima che sia pronto all’acquisto e lo accompagna all’interno del funnel, procedendo per step. Esattamente il contrario di quello che succede nel marketing tradizionale. Pensiamo a un mercato dove tutti i venditori urlano e la spunta chi ha il tono di voce più alto o chi dice la cosa più interessante. Così i brand si trovano a dover combattere l’uno contro gli altri nel momento dell’acquisto, facendo lievitare i costi. Con un approccio Inbound l’utente viene intercettato e attirato quando ancora non è stato raggiunto da altri.

 

C. Misurazione e ottimizzazione costante

“So benissimo che la metà dei soldi che spendo in pubblicità sono completamente buttati via. Il problema è che non so quale metà sia”. È famosa questa frase di John Wanamaker.

Con l'Inbound marketing possiamo misurare tutto quello che facciamo. Possiamo monitorare ogni passaggio del funnel con diversi indicatori (es. CTR e PPC), dal momento dell’awareness fino a quello della vendita e dunque lavorare in ottica di ROI, ma anche misurando i progressi da uno step all’altro del funnel. Questo ci permette di ottimizzare le campagne e di individuare eventuali intoppi in un determinato passaggio.

 

 

 

Le sette leve dell’Inbound Marketing

1. Search Marketing

Google ci conosce meglio del nostro migliore amico. Ogni giorno gli chiediamo molte cose e vogliamo ottenere le risposte migliori. Un detto famoso di chi si occupa di SEO è: “il posto più sicuro dove nascondere un cadavere è la seconda pagina di Google”. Obiettivo è il posizionamento.

 

2. Content Marketing

Se devo rispondere alle ricerche degli utenti devo creare content - qualitativi - per essere utile e stabilire una relazione di fiducia.

 

3. Social Media Marketing

Le piattaforme social sono perfette per distribuire il contenuto a una audience sempre più segmentata.

 

4. Landing Page

Il traffico che rimane sui social non ti appartiene davvero. È importante portarlo su piattaforme di tua proprietà per farti conoscere e conoscere meglio il tuo utente, raccogliere informazioni su di lui e avere accesso ad alcuni suoi dati. Questo processo si chiama lead generation.

 

5. eMail Marketing

Una volta che l’utente si è fatto conoscere (lead), è il momento di nutrire la relazione e rendere il tuo brand più rilevante consegnando informazioni personalizzate, pensate per le sue specifiche esigenze.

 

6. Workflow & Automation

Il nurturing passa attraverso l’automatizzazione dei processi. Se un utente visita per esempio la pagina di un prodotto specifico e poi l’abbandona, il brand deve essere subito pronto a intercettare il trigger e inviargli tempestivamente un messaggio rilevante (risposta) senza dover aspettare la prossima campagna DEM.

 

7. User Experience & Conversion Rate Optimization

Offrire un’esperienza utente fluida è vitale. Se porto traffico al sito ma l’utente non è in grado di navigarci, per esempio perché non è ottimizzato per mobile, il lavoro fatto finora rischia di diventare inutile. Occorre controllare tutte le metriche e ottimizzare le performance di conversione lungo l’intero funnel. In questa fase, gli A/B test sono uno strumento importantissimo per capire che direzione prendere.

 

L'Inbound Marketing non è una moda, ma una metodologia di lavoro che durerà a lungo. La penetrazione degli adblocks è in costante crescita e i brand devono porsi sempre di più come obiettivo essere utili - e rilevanti - per un utente iperconnesso e bombardato da una moltitudine di informazioni.

Farsi scegliere è fondamentale.

views
600
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Inbound marketing

Jun 15, 2018

By Patricia Peñalver

Guida step by step per sviluppare un piano di Digital Marketing nel 2018

Inbound marketing

May 11, 2018

By Laura Sánchez

Donne e Digital Marketing: 5 professioniste da seguire

Inbound marketing

May 02, 2018

By Laura Sánchez

The Inbounder, due giorni di puro Digital Marketing

Back to top