Marketing Automation
Feb 03, 2022
Kristen Baird
Project Manager
Contact
twitter google+ email email linkedin linkedin

I 7 KPI fondamentali per analizzare le tue campagne di marketing online

Home > Marketing Automation > I 7 KPI fondamentali per analizzare le tue campagne di marketing online
Non esiste una campagna di marketing online efficace se non è affiancata da analisi puntuale dei risultati. E per questo è fondamentale stabilire i KPI che salvaguarderanno la strategia dall'inizio alla fine. Come misuriamo le campagne di marketing è la domanda chiave a cui bisogna saper sempre rispondere.

Analytics e business intelligence sono fondamentali per valutare il successo dei tuoi progetti. I sondaggi confermano proprio questo: 2 marketer su 3 affermano che le decisioni basate sui dati sono più efficaci di quelle prese d'impulso e il 76% dei leader vi basa le proprie decisioni. Per garantire una buona analisi, però, sono necessari obiettivi chiari. Cioè, KPI.

I KPI (Key Performance Indicator) sono unità di misura utilizzate nel campo della web analytics. Consentono di pianificare una o più campagne di marketing online e di individuare quali siano i fattori di successo o di fallimento. Un tema vitale per non perdere tempo e denaro lanciando azioni nel web in modo indiscriminato.

obiettivi smart

KPI nel marketing: always SMART

Quali sono le variabili che devono essere prese in considerazione in ogni strategia? Cerca sempre quelle che possono essere misurate e fornisci informazioni obiettive e decisive sull'esecuzione di una determinata azione. Ad esempio, si potrebbe pensare al bounce rate di un sito web o al numero di utenti che visitano un blog aziendale incoraggiati da una Call to Action sui social network.

Come regola generale, quando si definisce un KPI rappresentativo per le campagne di marketing online, si deve tenere conto dello stesso parametro di quando si stabiliscono gli obiettivi: SMART. Questo è un metodo semplice ma efficace. Ogni KPI deve essere:

  • Specific (specifico)

  • Measurable (misurabile)

  • Attainable (accessibile)

  • Realistic (realistico)

  • Time-based (limitato nel tempo)

Se non si soddisfano questi requisiti, le informazioni raccolte non saranno sufficientemente incisive per permettere di prendere una decisione obiettiva: continuare con la stessa strategia o apporre modifiche.

Esempi di KPI nel marketing e 7 metriche rilevanti

La scelta dei KPI dipende da molti fattori e non sono sempre gli stessi in ogni caso. Da un lato, ci sono campagne focalizzate sulla conversione in cui i KPI sono gli acquisti del prodotto o servizio o il denaro raccolto. 

All'interno dei team di marketing, di solito invece si lavora con KPI più ampi e qualitativi, come il numero di lead generati, il coinvolgimento della campagna o l'aumento dei follower. Quindi sono gli obiettivi di ogni campagna a stabilire i KPI, non esiste una risposta univoca. L'elenco dei KPI può essere infinito, ma bisogna dare la priorità e limitarsi a pochi: quelli veramente necessari.

Questi sono alcuni dei KPI più rilevanti:

CPL 

CLP sono le iniziali del costo per lead. È un calcolo per sapere quanto denaro ha investito un'azienda per acquisire ciascuno dei suoi contatti, ad esempio dopo una campagna. Il costo per lead è un KPI molto importante per conoscere la redditività di un progetto, poiché ti consente di osservare l'efficacia del tuo investimento nell'attirare nuovi potenziali clienti.

ROI

Il ritorno sull'investimento, popolarmente noto come ROI, è un termine all'ordine del giorno nei team di marketing digitale. Il ROI è un semplice calcolo mediante il quale viene misurato il ritorno sull'investimento in una campagna o azione pubblicitaria. Soprattutto nelle campagne a 360º questa formula è molto utile e viene calcolata in questo modo:

 

ROI = (beneficio ottenuto - investimento) / investimento)

 

Nuovi leads

Questo è uno dei KPI più classici e anche il più efficace quando si tratta di sapere se l'impatto di una campagna è stato positivo o meno. Un lead è un utente che ci ha fornito informazioni personali (il suo contatto, ad esempio) e passa al database dell'azienda. Ci dà il permesso di continuare a interagire con esso, alimentandolo con contenuti e potendo spingerlo verso la conversione.

Engagement rate sui social network

Il grado di "connessione" dei follower con un brand può essere misurato dal numero di "Mi Piace", nuove menzioni o commenti ottenuti su Facebook o Instagram e dal numero di retweet o preferiti raggiunti su Twitter in un determinato periodo di tempo.

Crescita dell'audience social

Con questa variabile è possibile quantificare il numero di followers raggiunti, ad esempio, durante un mese in ogni social network in cui il brand è presente. È utile collegare lo studio sulla crescita alle azioni specifiche svolte in ogni social (post promozione, lanci di campagne) per comprendere le ragioni della crescita ed estrarre preziose informazioni sul comportamento del tuo pubblico.

Bounce rate del sito

Quante persone hanno abbandonato o interrotto la visita a un sito Web o a un e-commerce? Questi dati sono importanti non solo per sapere quale grado di rifiuto ha causato un determinato contenuto o pubblicazione, ma anche per rilevare possibili errori di caricamento che danneggiano l'esperienza dell'utente nel tempo.

Tasso di permanenza

Direttamente legato al KPI precedente, questo tasso ci consente di sapere quanto tempo, in media, un utente trascorre sul sito Web o sul blog dell'azienda. Proporzionalmente, permette di misurare il grado di soddisfazione dell'utente rispetto ai contenuti offerti.

Numero di visite

Quanti utenti hanno raggiunto un blog o un sito web aziendale in un determinato periodo? Questo indicatore è fondamentale non solo per conoscere il numero di visite (sessioni) ricevute ma anche per sapere da quale sito o canale un utente è arrivato al web o al blog. Va tenuto conto del fatto che gli strumenti di web analytics contano ogni visita effettuata da un dispositivo diverso – ad esempio un tablet e uno smartphone – come un nuovo utente, anche se in realtà è la stessa persona.

Keywords con maggior traffico e conversione 

Quantificare quali parole chiave legate al brand siano le più ricercate dagli utenti e quale grado di conversione implicano.

KPIs di email marketing

Nel caso dell'email marketing ci sono altri KPI specifici che possiamo considerare:

  • Numero di nuovi iscritti raggiunti in un determinato periodo.

  • Numero di follower persi in quel periodo dopo aver richiesto di annullare l'iscrizione alle notifiche dell'azienda.

  • Percentuale di apertura e di clic, in base alla percentuale di persone che hanno aperto l'e-mail e al numero di utenti che hanno cliccato, ad esempio, sul collegamento a una landing page o hanno scaricato un ebook. Il tasso di apertura è un buon indicatore degli errori o dei successi che il brand sta facendo: se viene utilizzato un soggetto attraente, se le spedizioni vengono effettuate nei tempi consigliati o se la frequenza di consegna è ottimale.

Una buona misurazione e analisi dei tuoi KPI ti consentirà di confrontare diverse azioni in anni o mesi diversi e di sapere quali contenuti, tecniche e tendenze sono maggiormente supportati dalla tua community online. La lezione è questa: non esiste un singolo KPI che sia il più importante per tutte le aziende o i settori. È responsabilità del professionista del marketing scegliere quali sono le metriche più rappresentative del progresso e dell'evoluzione che vogliamo raggiungere e lavorare su di esse. Che si tratti di obiettivi quantitativi (basati sui ricavi) o qualitativi (brand awareness), l'importante è essere chiari sull'obiettivo e, da lì, scomporlo in metriche utili che ci permettano di andare avanti.

views zoom copy 17
1371
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Marketing Automation

Jun 10, 2021

By Natalia Bergareche

Marketing Automation: come scegliere la tool giusta

Marketing Automation

Oct 22, 2020

By Cristina Sáinz de la Flor

Manuale per comprendere la Quarta Rivoluzione Industriale

Marketing Automation

May 22, 2020

By Alba Mañanes Rodríguez

Arriva Salesforce Work.com: la soluzione per far ripartire il tuo business