Social Media Marketing
Apr 28, 2016
BY ANNA GIAMPAOLO

Come creare engagement con i social media

Home > Social Media Marketing > Come creare engagement con i social media
Per le aziende, saper utilizzare i social media per creare engagement è di fondamentale importanza. Con la giusta strategia social, infatti, è possibile valorizzare il proprio brand, rafforzare la reputazione online e conversare con i clienti, sia effettivi che potenziali. Ma che cos’è di preciso l’engagement e come si ottiene?

L’engagement, che possiamo tradurre con “coinvolgimento”, è la capacità di creare interazioni e di stabilire un legame tra marchio e utenti.

social marketing

 

Negli ultimi anni, i social media sono diventati, per le aziende, lo strumento privilegiato per creare engagement. L’obiettivo è instaurare una conversazione a doppio senso di marcia: l’azienda condivide un contenuto con i follower, con l’obiettivo che questo contenuto venga condiviso e commentato in modo da generare attorno a esso una conversazione.

Utilizzare in modo efficace i social media per creare engagement significa aumentare il coinvolgimento di fan e follower, facendo in modo che rispondano ai tuoi post.

Le interazioni vengono misurate con azioni diverse, in base ai vari social.

  • Su Facebook, l’engagement si misura con like, commenti e condivisioni

  • Su Twitter, l’engagement  si misura con le @risposte, retweet e menzioni

  • Su LinkedIn, l’engagement si misura con il numero di interazioni relative a un post più i click e i follower acquisiti, divisi per il numero di impression.

Ma qual è il modo migliore di utilizzare i social media per creare engagement?
 

Scrivi un testo interessante, che riesca suscitare coinvolgimento emotivo

Condensare in pochi caratteri un copy che riesca a incuriosire e ad attrarre l’audience è un’impresa particolarmente ardua.

Gli addetti ai lavori hanno elaborato formule che possono facilitare la vita a chi vuole pubblicare un post con un testo accattivante e capace di generare engagement. Tra queste, la formula più nota è quella denominata PAS: Problem - Agitate - Solve. Ovvero, identificare un problema (identify), analizzarlo (agitate) e infine offrire una soluzione (solve). Questa appena descritta è un’ottima griglia di partenza per creare dei copy brevi ma capaci di avere un impatto emotivo sull’audience.

Esistono altri piccoli espedienti per scrivere copy coinvolgenti; ad esempio, fare domande dirette o concludere il testo con un call to action. Prova a sperimentare stili diversi e scopri quelli che generano maggiori interazioni presso il tuo pubblico di riferimento.

Usa le immagini

Le immagini sono fondamentali per creare engagement. Bisogna però saperle utilizzare correttamente. Ecco alcune best practices per rendere i tuoi visual post a prova di click.

 

Scegli l’immagine giusta per il tuo obiettivo

Esistono diverse tipologie di immagini: screenshot, foto con elementi testuali - come ad esempio citazioni e frasi inspirational - foto “behind the scenes”... Come scegliere quella giusta? pensa al tuo audience di riferimento e agli obiettivi che ti poni con la tua strategia di social posting: vuoi educare, informare o divertire? Per ciascuno di questi scopi scegli la foto più adatta.

 

Le foto devono avere la giusta dimensione

Postare foto con dimensioni sbagliate è un imperdonabile passo falso. Se le immagini non sono ottimizzate, infatti, rischiano di non essere visualizzate correttamente, ad esempio, nella timeline di Facebook. Utilizza uno degli innumerevoli tool offerti dal web per fare sì che le tue immagini appaiano agli utenti nel modo giusto. Queste sono le misure ottimali, in base ai diversi social:

social media image size



Pubblica negli orari giusti

Il tempismo non è tutto, ma è senz’altro molto importante: pubblicare il contenuto giusto, al momento giusto e sulla piattaforma giusta è infatti essenziale per migliorare le interazioni sui social. Facile a dirsi, un po’ meno a farsi: non esiste una scienza esatta che ci possa indicare il momento esatto in cui pubblicare, anche perché gli orari ottimali per fare social posting dipende da diversi fattori: dal tipo di piattaforma, dai tuoi obiettivi, dal modo in cui il tuo audience di riferimento utilizza la piattaforma in questione…

Per esempio, postare su LinkedIn - utilizzato prettamente in ambito professionale - durante il fine settimana può essere contro producente: per le caratteristiche di questo social e per le modalità di utilizzo che ne fanno i suoi iscritti è altamente consigliato pubblicare durante i giorni lavorativi, se si desidera aumentare le interazioni.

Per ogni piattaforma social, HubSpot indica alcuni giorni e alcuni orari consigliati in cui postare per ottenere un alto livello di engagement.

Facebook

Il momento migliore per pubblicare un post su Facebook è il mercoledì alle 15.00. Altri orari appropriati sono:

  • dalle 12.00 alle 13.00, il sabato e la domenica

  • dalle 13.00 alle 16.00, il giovedì e il venerdì

Twitter

Se desideri che il tuo tweet abbia successo, invialo durante i weekend, dalle 12.00 alle 15.00 e alle 17.00: sono questi i giorni e gli orari in cui i tweet riescono a ottenere il maggior numero di interazioni.

Per le aziende B2B, invece, i giorni migliori per postare sono dal lunedì al venerdì: nello specifico, il mercoledì è il giorno ideale per far ottenere al tuo tweet maggiori interazioni. Se la tua è un’azienda B2C, invece, segnati sul calendario il mercoledì e i weekend: sono questi i giorni d’oro in cui twittare.

LinkedIn

Martedì, mercoledì e giovedì, dalle 7.30 alle 8.30, alle 12.00 e dalle 5.00 alle 6.00 sono i giorni della settimana e le fasce orarie più indicate per postare su LinkedIn. Il martedì è particolarmente proficuo: in questo giorno è consigliato postare anche dalle 10.00 alle 11.00.

 

Rispondi ai commenti

A nessuno piace essere ignorato. Per questo, è importante rispondere a tutti i commenti che gli utenti lasciano ai tuoi post. Le risposte devono essere accurate e tempestive, altrimenti si può dare l’impressione di non essere molto attivo sui social media oppure - ancora peggio - di non essere interessato alle opinioni degli utenti. Seguendo questi consigli, il tuo audience sarà maggiormente propenso a interagire con te e a instaurare vere e proprie conversazioni online.

Quelli elencati sopra sono solo i primi passi da fare se si desidera gestire al meglio la propria comunicazione social. Se desideri un aiuto professionale nella tua strategia di Social Media Marketing, rivolgiti a WAM: siamo specializzati nella gestione di profili social per elevare la qualità delle conversazioni e aumentare l’engagement con i tuoi clienti.

views
692
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Social Media Marketing

Feb 02, 2018

By Natasha Gingles

Come una strategia di influencer marketing può far crescere il tuo business

Social Media Marketing

Nov 21, 2016

By Anna Giampaolo

Come costruire la brand identity con i social media

Social Media Marketing

Oct 14, 2016

By Martina Colucci

Come pianificare una social media strategy per creare engagement

Back to top