Social Media Marketing
Aug 16, 2016
BY MARTINA COLUCCI

Web reputation: i 4 tool per monitorare i tuoi social network

Home > Social Media Marketing > Web reputation: i 4 tool per monitorare i tuoi social network
Il social monitoring è una fase importantissima in una strategia di inbound marketing: permette di conoscere i pareri dei tuoi clienti attuali e di controllare la web reputation del tuo brand. Ecco quali sono gli strumenti digitali per monitorare le conversioni sui social.

L’inbound marketing basa il proprio successo su un diverso approccio rispetto al cliente. Invece di interrompere la sua navigazione sul web, cerca di attirarlo con i giusti contenuti pubblicati nel momento adatto, diffusi attraverso i media adeguati. Obiettivo? Attrarre, convertire, concludere e deliziare: le 4 fasi di cui si compone una metodologia inbound. Analizziamole nel dettaglio.

 

  1. Attrarre

In questa fase si cerca di attrarre quante più persone possibili creando contenuti di valore, veicolati attraverso blog post, social network o siti web. In questo primo stage, le keyword giocano un ruolo fondamentale: è necessario scegliere quelle che maggiormente si adattano alle ricerche dei tuoi potenziali clienti.

 

  1. Convertire

La conversione dei visitatori che hanno dimostrato interesse verso i tuoi contenuti in lead qualificati è il passo successivo. Per far sì che la conversione avvenga, bisogna servirsi di strumenti come call to action (che invitano l’utente a scaricare un ebook, o un’offerta), landing page (in cui l’utente compila un form per completare l’operazione di download) e thank you page.  

 

  1. Concludere

Concludere il passaggio tra lead e cliente è come chiudere il cerchio. Nella fase precedente, infatti, vengono raccolte quante più informazioni possibili sul contatto su cui vogliamo concentrare i nostri sforzi di marketing. Dopo di che, è necessario analizzare dettagliatamente i dati di cui si dispone per costruire offerte e campagne mirate, in linea con i sui interessi. Qui convincerai i potenziali clienti ad acquistare prodotti o servizi, trasformandoli così in clienti veri e propri.

 

  1. Deliziare

Fidelizzare i clienti già acquisiti è l’ultimo passo per chiudere le attività della metodologia inbound. Questa fase è importante per mantenere i contatti con i clienti e instaurare un rapporto tale da far parlare di te in maniera positiva. I clienti soddisfatti sono i miglior consiglieri: potrebbe aprirsi così la possibilità di acquisirne degli altri semplicemente grazie alle loro considerazioni sul web. Coltivando la giusta relazione, che non deve essere prettamente commerciale ma soprattutto personale, potrai avere un ritorno in termini di web reputation.

social monitoring

Vale la pena soffermarci su quest’ultima fase della metodologia inbound, perché è cruciale per aumentare clienti e vendite. In che modo? Facile: un cliente felice della propria customer experience sarà propenso a trasformarsi in promotore della tua azienda, proprio perché entrano in gioco componenti emozionali e psicologiche che aiutano la persona a sentirsi coinvolta e partecipe.

 

Questo rende il cliente fedele nel tempo. Sarà portato, quindi, a diventare promotore dei nostri servizi: dovrà essere coccolato anche dopo l’acquisto e per farlo è necessario aggiornarlo su promozioni e nuovi prodotti, facendolo sentire sempre più importante. Sarà portato a consigliare la tua azienda ai conoscenti che necessiteranno dei tuoi servizi, con un ritorno economico positivo: senza dover investire ulteriormente su campagne, è sufficiente svolgere un ottimo lavoro iniziale e aspettare.

 

In questa fase, è necessario ascoltare i clienti, capire se hanno apprezzato il lavoro che la tua azienda ha svolto per loro e individuare quali sono le loro nuove esigenze, in modo da poterti concentrare sulla loro soddisfazione. Ma in che modo è possibile svolgere questi compiti? Con il social media monitoring.

 

 

Il social media monitoring è l’insieme delle attività incentrate sulla pianificazione e sull’ascolto di clienti potenziali e attuali, grazie alle quali si tiene sotto controllo la reputazione online del proprio brand e si creano strategie personalizzate in base alle informazioni sui contatti raccolte tramite i social media. Grazie al monitoraggio delle conversazioni online tra i clienti già acquisiti e quelli potenziali, sarai in grado di dar vita a campagne sempre più efficaci.

 

I social media, infatti, sono il terreno più fertile per conoscere le opinioni che gli utenti hanno riguardo alla nostra azienda. Per raccogliere tutte le informazioni che ci occorrono è necessario utilizzare uno dei tanti social media monitoring tool offerti dal web. Vediamo quali sono i principali.

 

È la piattaforma più utilizzata per monitorare i canali social. Con essa è possibile gestire più account, sia per pubblicare contenuti che per monitorare e rispondere alle conversazioni degli utenti riguardo al tuo business. In termini di monitoring, quindi, Hootsuite analizza le conversazioni online su Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. È  possibile, quindi, filtrare le informazioni circa i discorsi degli utenti in base alla lingua, all’area geografica, al sesso o a delle specifiche keyword.

 

È lo strumento più utile per misurare la presenza social della tua azienda e quella dei tuoi competitor. Questo strumento di social listening è in grado di monitorare ben 12 piattaforme e di rilevare l’influenza di un brand sui social network sotto forma di punteggio di magnitudo (impact score), in un lasso di tempo ben preciso (di solito una settimana). Così si è in grado anche di quantificare il traffico presente su ogni piattaforma e, di conseguenza, focalizzarsi su una piuttosto che su un’altra grazie ad un punteggio attribuito per ognuno di esse.

 

Questo strumento gratuito permette la verifica di oltre 100 siti social. In grado di tracciare le conversazioni sui brand e la percezione del prodotto tramite le conversazioni online, è di un’intuitività unica. I parametri su cui si basa questo strumento innovativo sono 4: forza, intesa come potenza di un argomento di essere oggetto di conversazione; sentimento, su cui si focalizza il rapporto tra le conversazioni positive e quelle negative; passione, incentrata alla probabilità che l’utente parli del nostro prodotto in più occasioni e reach, cioè il raggio d’azione cui si basa la ricerca suddetta

 

HubSpot è uno dei software per l’analisi delle conversazioni e della reputazione online più utilizzato. Facile e intuitivo, permette di ottimizzare il lavoro grazie alla possibilità di gestire diversi aspetti contemporaneamente. Offre inoltre un alto numero di report relativi ad ogni azione sul web, dalla pubblicazione di contenuti alle conversazioni avute luogo tra gli utenti.

 

Questi sono solo alcuni dei tool che possono essere utilizzati per analizzare la reputazione dell’azienda sul web grazie ad HubSpot. Nella customer delight, quindi, è necessario prestare particolare attenzione agli obiettivi prefissati e alle azioni attuate. È qui che il cliente acquisito diventa promotore del tuo brand, permettendoti di aumentare le vendite con uno sforzo minore rispetto alla creazione di una campagna.

 

 

Se desideri un aiuto per svolgere la tua attività di social media monitoring, WAM sarà in grado di affiancarti nell’impresa, aiutandoti a monitorare la tua web reputation.

 

Scarica l'ebook con i 30 migliori consigli per generare leads

views
646
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Social Media Marketing

Oct 12, 2018

By Natasha Gingles

La scomparsa del reach organico su Facebook e 7 suggerimenti per dargli una spinta

Social Media Marketing

Feb 02, 2018

By Natasha Gingles

Come una strategia di influencer marketing può far crescere il tuo business

Social Media Marketing

Nov 21, 2016

By Anna Giampaolo

Come costruire la brand identity con i social media

Back to top