Social Media Marketing
Sep 09, 2021
Beatriz García Rubio
Project Manager
Contact
email email linkedin linkedin

Social media e fashion: come sfruttarli al massimo

Home > Social Media Marketing > Social media e fashion: come sfruttarli al massimo
I social media sono diventati un canale essenziale per il mondo fashion. Aumentano la brand awareness, l’engagement, e hanno un riflesso quasi automatico sulle vendite. Ma quali sono i fattori da considerare per ottenere il massimo dal contenuto e raggiungere gli obiettivi di business prefissati? Tutti i segreti in questo articolo.

Bisogna iniziare chiedendosi: quante volte mi sono informato sui social prima di procedere con l’acquisto di un certo brand? La risposta dipenderà con molta probabilità dalla tua generazione, ma è innegabile che sia un’abitudine sempre più consolidata (specialmente per i Millennials e la GenZ), incluso lo scoprire nuovi brand grazie ai social media.

Riuscire a potenziare i social media nei settori fashion e retail è più complesso di quello che sembra, essendo un ambito con molta concorrenza, ed essendo un canale dove, a volte, è difficile delimitare cosa compete ai social media. Molte volte quel che succede è che, nonostante i molti sforzi, non si intravedono i risultati e non si arrivi ai business goal; non si raggiunge il pubblico target o c’è poco engagement (che è uno dei fattori chiave da misurare per sapere se si ha realmente una connection con il pubblico target).

Social media settore fashion

Fattori da considerare per i social media del settore fashion

La content strategy sui social media per un brand del settore fashion deve essere ben definita e strutturata seguendo un business plan, proprio come un sales plan. In entrambi i casi troviamo 3 aspetti importantissimi da tenere ben a mente:

  • A chi ti rivolgi (Buyer Persona): analizzare dove trovare il tuo pubblico, i suoi comportamenti d’acquisto e di che tipo di contenuto fruisce.

  • Quali sono i business goals: è importante considerare in che punto si trova il brand. Non è lo stesso iniziare da zero o avere già una certa brand awareness tra il pubblico.

  • Tone of voice per il tuo contenuto per il settore moda: iniziare con un benchmarking per vedere come si posizionano i competitor, raccogliere idee e punti di vista che possano fungere da ispirazione.

Dato l’alto numero di competitor e di fashion brand presenti sui social media bisogna considerare che: se vuoi che il tuo content plan funzioni devi far sì che apporti valore facendo leva sui tuoi punti di differenziazione. Altrimenti sarà molto difficile far crescere il numero di follower e mantenere alto l’engagement nel tempo.

Di fatto ciò che fanno molti brand è aprire un profilo con un contenuto molto attrattivo che la gente possa condividere e che permetta una rapida crescita organica, per poi creare una propria linea di abbigliamento o retail. Una strategia che possiamo anche vedere tra gli influencer per promuovono il loro brand personale; la loro rilevanza, insieme al numero di follower, è la ricetta perfetta per un’autopromozione a regola d’arte. 

4 segreti per definire una social media strategy efficacia nel settore fashion

  1. Creare una brand image consistente su tutti i social media.

Prima di tutto è fondamentale definire la strategia di prodotto. Bisogna avere chiaro  cosa si vuole offrire al pubblico, se c’è un prodotto star sul quale puntare in modo particolare e come spingere la conversione convertire all’acquisto grazie al contenuto. Chiaramente bisogna sempre avere un’ottima tracciabilità del traffico che arriva al tuo sito web per poter monitorare i risultati.
Studia bene il tuo prodotto o servizio, i possibili competitor e come anch’essi comunicano sui social media. Trova un tono adatto al tuo cliente potenziale (amichevole, vicino, professionale, corporativo, informativo).
In questo senso, è fondamentale avere bene in chiaro la proposta di valore e le brand guidelines affinchè tutto quello che si comunica sia coerente. Il visual e il copy sono elementi che apportano un plus alla creatività e risalto nel settore fashion. Di fatto, sono sempre di più i brand che scommettono su dei testi sappiano andare oltre un semplice copy caption trasmettendo un sentimento, ispirando o, motivando a  stringere un legame forte con gli utenti.

In breve: in un mondo di informazione, profili Instagram e notifiche costanti, la creatività è ciò che ti permetterà di avere  successo. Tenere a mente tutti questi elementi è la base per poter  migliorare il proprio profilo. La biografia deve avere un contenuto chiaro, di facile lettura, capace di non saturare il lettore con delle informazioni non necessarie.

Nella biografia è indispensabile inserire un link che porti alla pagina del tuo ecommerce. Nel caso di Instagram o TikTok, per esempio, funzionano molto bene Linktree o TapBio. Permettono di creare una landing page con diversi link rilevanti del tuo sito web, personalizzabili secondo le tue necessità.
 

  1. Aumentare le vendite dei fashion brand con i social medi

Una volta chiarito come comunicare con i social media, la seconda domanda da porsi è: come migliorare le conversioni sul mio sito web? Ecco altri 3 segreti:

- Migliora la tracciabilità. Ogni volta che pubblichi un link sui social media, assicurati di aggiungere un parametro UTM che ti permetta poi di identificare in Analytics da quale dei tuoi social media hai ricevuto questa visita, e se prende parte ad una campagna speciale che hai disegnato apposta per i social. Questo è il vero segreto quando si pubblicano un contenuto organico, un Adv o delle collaborazioni. Così abbiamo una visibilità completa in qualsiasi momento di quali azioni stiano funzionando meglio valutando l numero di visite e di conversioni, tra gli altri parametri da monitorare.

- Adv sui social media. La vera domanda è: sono veramente efficaci gli adv sui social media per i brand fashion? La risposta è sì, ma solo se costruiti in modo strategico. Il remarketing è sicuramente molto efficace, perchè rinforza la decisione di acquisto e ricorda quali prodotti il potenziale cliente ha già visto sul sito web. Molti brand, tra cui Zalando, stanno già utilizzano questa strategia da tempo, per esempio.

- Collaborazioni e influencer marketing. Sono sempre di più i fashion brand che fanno leva sull’influencer marketing per espandere il proprio brand e proporre azioni speciali come offerte, giveaway o sconti. Il trend è utilizzare dei micro-influencer con un contenuto più di nicchia e specializzato (come nel caso dei brand di calzature).
- Mobile first: la fruizione della maggior parte dei social media avviene tramite telefono, quindi, al dare forma ad un sito web del settore fashion, dobbiamo dare l’opportuna rilevanza ad un design responsive che favorisca la UX del sito web e che potenzi le vendite.

  1. Community management quotidiano

Non è sufficiente creare contenuti, bisogna anche favorire l’interazione con gli utenti rispondendo ai loro commenti e messaggi, mettendo like e interagendo con gli altri account. In breve, mantenere un’alta visibilità del tuo profilo. Più le risposte saranno accorte e creative, più verrà stimolato l’engagement.
È importante prestare attenzione ai commenti che gli utenti lasciano. A tutela di qualsiasi crisi di reputazione online, crea un protocollo di risposte che aiuterà a risolvere i problemi di questa entità.

Con questo tip, coordina adeguatamente tutti i tempi di risposta, ossia, rispondi ai bisogni dell’utente e cerca di risolvere, nel minor tempo possibile, i suoi dubbi o curiosità.
 

  1. Content is king

Bisogna lavorare, tanto, ma soprattutto in team. L’immaginazione e l’inventiva vincono su tutto, specie quando vuoi raggiungere l’attenzione degli utenti. Elabora immagini che "attraggano" a prima vista, video che apportino valore e entertainment, con un contenuto che trasmetta i valori del tuo brand. Puoi anche giocare creando delle infografiche che riassumano i tuoi contenuti, prodotti o servizi.

 social media content settore moda

Tutto parte anche dalla congruenza del tono del tuo brand. Usa (a volte e se necessario) l'umorismo, crea una connessione tra il brand e l'utente che incoraggi quest'ultimo a leggere i tuoi contenuti e a generare nuove vendite. Inoltre, sfrutta al massimo gli strumenti specifici. In questo senso, Instagram è molto utile: reels, storie, polls, pubblicazioni standard, caroselli, guide... Se il tuo target è su questo social network, non esitare a sperimentare, poiché tutti sono molto favorevoli all'interazione. 

Quando pianifichi il tuo calendario editoriale, non dimenticare di includere le pubblicazioni che portano al sito web o incoraggiano le persone a visitarlo. Se metti un link è importante sempre tracciarlo con gli UTM come menzionato sopra. 

Social media che hanno un grande impatto sulla fashion industry

Come già detto, il primo passo è analizzare su quali social network si trova il pubblico target e su quali essere presenti. È importante tenere presente che non è consigliabile lanciare lo stesso messaggio in tutti, ma pianificare una strategia omnichannel e personalizzata allo stesso tempo, a seconda del social network in cui stiamo comunicando: 

  • Instagram. Promuovi più contenuti visivi e usa i suoi diversi strumenti per incoraggiare l’engagement. Creare didascalie accattivanti che attirino l'attenzione dell'utente, altrimenti non si distingueranno a causa dell'eccesso di informazioni. È fondamentale prendere in considerazione la funzione IG Shop per incoraggiare le vendite, come nel caso di 21 buttons, il social network per gli amanti dello shopping di moda per eccellenza. 

  • TikTok. Sempre più brand stanno usando questo social network per espandere la loro reach. È particolarmente interessante per mostrare la creazione delle collezioni. Bisogna considerare che la creazione di contenuti in questo formato è più costosa di una pubblicazione standard, ma fornisce un tocco di design molto alto ed è particolarmente consigliato per connettersi con i Millennial e GenZ.

  • LinkedIn. Più orientato a offrire contenuti legati al brand, ai suoi valori e a temi come la sostenibilità, l'uguaglianza... È anche utile evidenziare i dipendenti come il pilastro principale della proposta di valore.

  

  • Pinterest. Ideale per far emergere il lato più inspirational ed espandere la filosofia del brand. Inoltre, a differenza di Instagram è possibile  mettere un link in ogni pubblicazione. 

  • Twitter. Una buona opzione per incoraggiare l'interazione, generare un dibattito e pubblicizzare le ultime notizie sul brand. 

  • Facebook. Con il boom di Instagram, questo social network è caduto nel dimenticatoio, ma è ancora abbastanza efficace per un pubblico più adulto. Facebook Marketplace è uno strumento chiave per incoraggiare gli acquisti. 

Ora che hai tutti gli strumenti per creare una strategia social efficace, inizia a sperimentare quello che è più corretto per il tuo brand fashion!

views zoom copy 17
128
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Social Media Marketing

May 13, 2021

By Natasha Gingles

Social network e turismo, hai un piano di social media marketing?

Social Media Marketing

Feb 25, 2021

By Natasha Gingles

Strumenti di Social Media Selling: ottimizza la tua strategia

Social Media Marketing

Dec 17, 2020

By Natasha Gingles

Social Network: trend 2021. Cosa c'è di nuovo?