Content marketing
May 09, 2016
BY SOFIA MARELLI

Aprire e gestire un blog aziendale di successo: i primi passi

Home > Content marketing > Aprire e gestire un blog aziendale di successo: i primi passi
Gli utenti che effettuano ricerche online consultano sempre più spesso i blog per cercare informazioni utili. Per questo motivo, aprire un business blog può essere la mossa giusta per aumentare le visite al sito aziendale e qualificare il proprio brand come industry leader.

I blog aziendali sono fondamentali per far decollare il proprio business. Secondo un recente studio, infatti, sempre più utenti consultano quotidianamente i blog per reperire informazioni. Le aziende che si sono già accorte di questo fenomeno e che hanno aperto un corporate blog riescono a generare il 67% di lead in più rispetto alle altre aziende.

blog aziendale

I vantaggi dell’avere un business blog sono innumerevoli:

  • aumento del traffico al sito: postando contenuti di alta qualità si può incrementare il numero di visitatori del proprio sito web

  • possibilità di qualificare il proprio brand come un industry leader: se il livello dei post è alto, la tua azienda sarà progressivamente identificata come un’autorità nel tuo settore di competenza. Per questo il business blog è un’arma preziosa per migliorare la propria web reputation.  

  • aumento del livello di engagement con il cliente: postando con regolarità è possibile migliorare notevolmente l’engagement e la fidelizzazione dei tuoi clienti, attuali e potenziali.

Ma come si crea e come si gestisce un blog aziendale di successo? Ecco alcuni consigli per partire con il piede giusto.


I primi passi per creare un blog aziendale

1) Scegli una piattaforma per blog

La scelta della piattaforma è il primo, fondamentale passo. È anche il più veloce: ti prenderà soltanto cinque minuti di tempo. Esistono molte piattaforme per creare blog, da HubSpot a Wordpress, da Blogger a Weebly. Come scegliere quella giusta? Un consiglio: individua quella con le caratteristiche più adatte alle tue esigenze. Ad esempio, se sei alle prime armi, concentrati sulle piattaforme più intuitive da usare; se invece la tua priorità è creare un blog dallo stile originale e unico, indirizzati verso piattaforme che consentono maggiore personalizzazione a livello di grafica e di layout.

 

2) Effettua la migrazione del blog sul tuo sito principale

Questa fase è abbastanza delicata, pertanto è opportuno che se ne occupi un esperto. La migrazione di un blog su un altro dominio, infatti, ha un forte impatto sull’indicizzazione: se effettuata in modo sbagliato, può portare a perdite di ranking e di indicizzazione nei motori di ricerca. La migrazione del blog è fondamentale per non disperdere le visite al tuo sito e per ottimizzare la tua strategia SEO: assicurati quindi di farla al meglio.

 

3) Analizza i visitatori del tuo sito

Finora ci siamo occupati degli aspetti pratici: ora comincia la parte strategica. Per gestire un blog aziendale di successo è necessario ragionare in modo approfondito su chi lo leggerà. Il modo più efficace è mettersi nei panni dei futuri utenti e immaginare quali saranno le loro ricerche sul web. Questa è la base da cui partire per capire a quali domande dovranno dare una risposta i contenuti del tuo blog.

 

4) Seleziona le keyword giuste

Partendo dalle possibili ricerche effettuate dai tuoi utenti, pensa alle keyword relazionate al tuo business su cui impostare i contenuti dei post. Concentrati su long tail keyword di 3-4 parole: più sono dettagliate, più sono facili da posizionare nei risultati organici dei motori di ricerca. Per trovare le keyword appropriate puoi servirti di una delle innumerevoli tool messe a disposizione dal web, come ad esempio il Keyword Pannel di Google Adwords. Questo strumento permette di conoscere quali e quante ricerche vengono effettuate attorno a un determinato argomento e quanti altri siti offrono contenuti indicizzati per quella stessa parola chiave.

 

5) Scrivi il tuo primo post

Scrivere un post che funziona non è un’impresa impossibile: basta tenere conto di alcune semplici regole. Innanzitutto, evita di scrivere in modo “commerciale”: il tuo obiettivo non è vendere un prodotto, ma educare l’utente su un aspetto che riguarda il tuo business. Concentrati quindi sulla realizzazione di contenuti di qualità, interessanti e arricchiti da link che rimandano a risorse utili.

Blog writing

 

Trasforma il tuo blog in uno strumento per vendere

Ora che hai creato il tuo business blog, è necessario gestirlo al meglio per trasformarlo in un preziosissimo strumento di marketing. Ecco alcune best practices:

  • Posta regolarmente: un blog curato, ricco di contenuti e aggiornato con regolarità è senz’altro più autorevole rispetto a un blog con pochi post recenti.

  • Scegli immagini di alta qualità: corredare il post con fotografie ad alta risoluzione può fare la differenza: il tuo blog ne guadagnerà in professionalità e gli utenti lo consulteranno con maggiore piacere.

  • Condividi i post sui social e monitora i commenti: se desideri aumentare le visite al tuo blog è necessario postare i contenuti sui social media e rispondere a tutti i commenti che vengono lasciati ai tuoi post. Per approfondire l’argomento, leggi qualche nostro suggerimento su come creare engagement con i social.

 

Creare e gestire un blog richiede tempo, concentrazione e dedizione, ma i benefici per il tuo business non tarderanno ad arrivare. Se desideri affidarti a un team di esperti, rivolgiti a WAM: conosciamo tutti i trucchi per trasformare il tuo blog aziendale nell’alleato più prezioso per il tuo business.

Scarica l'ebook con i 30 migliori consigli per generare leads

views
546
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Content marketing

Oct 19, 2018

By Sandra Fernández

Transcreation, l’arte di gestire (e tradurre) le parole in un contesto globale

Content marketing

Mar 27, 2018

By Carolina Saporiti

Marketing emozionale: creare empatia con il copywriting

Content marketing

Nov 23, 2017

By Antoni Saurina

Dalle keyword ai topic: come reinventare la tua content strategy

Back to top