Content marketing
Mar 27, 2018
BY CAROLINA SAPORITI

Marketing emozionale: creare empatia con il copywriting

Home > Content marketing > Marketing emozionale: creare empatia con il copywriting
Il nostro cervello risuona quando vede qualcosa che lo colpisce. Ciò succede anche quando rileva azioni che non lo riguardano direttamente. Questo meccanismo si chiama empatia. Lo stesso processo avviene anche nella scrittura di un testo. Se quello che scriviamo risuona, funzionerà meglio... Se vuoi emozionare con i tuoi copy, emozionati tu stesso.

I testi che funzionano meglio sono quelli che emozionano. Sappiamo che le reazioni emotive sono la chiave di volta quando si tratta di acquisti (e non solo): difficilmente le persone prendono decisioni in maniera totalmente razionale. La maggior parte delle persone compra con la pancia o con il cuore ed è sulla base di questa certezza che si fonda il marketing emozionale, quello che parla alla parte destra del nostro cervello, ossia quella legata alle emozioni, alle intuizioni e alla nostra soggettività.
 

Troppo spesso ci dimentichiamo, soprattutto nella fase di scrittura, che sono le emozioni a vendere. Non vendiamo solo il prodotto, vendiamo un sentire condiviso.
 

Ma in cosa consiste la comunicazione emotiva? E, soprattutto, come si emozionano le persone?
 

1 - Parti dai concetti

Non partire dalle parole. Un errore comune è stabilire, prima di avere chiaro cosa si vuole comunicare, frasi e formule che useremo. Leggi, informati, definisci il messaggio che vuoi trasmettere. Le parole giuste arriveranno da sole.
 

2 - Sii chiaro

Per riuscire a costruire immagini definite, devi averle distintamente in mente. Costruisci messaggi congruenti creando armonia tra azioni, emozioni, stato d’animo e intenzioni: tutte devono tendere nella stessa direzione.
 

3 - Don’t make me think

Rendi i concetti i più semplici possibili. Il marketing emozionale si basa sull’evocazione di immagini precise. Steve Krug, esperto di UX, nel suo libro Don’t make me think invitava copy e creativi ad assecondare i vizi umani, come l’abitudine, la pigrizia. Il testo che preparerai deve contenere tutte le informazioni che possono interessare al lettore e quando trovi un modello vincente, non abbandonarlo.
 

4 - Scrivi di ciò che ti appassiona
Certo, non sempre è possibile, ma scrivere di cose che si conoscono e che amiamo, rende tutto più semplice, spontaneo e vero. Se questo non è possibile - e quando si tratta di lavoro spesso non lo è - documentati, leggi, fai ricerca: più conosci, più sarai chiaro e ci saranno più possibilità che ti appassioni all’argomento.
 

5 - Non affezionarti alle parole

Innamorarsi delle proprie frasi è rischioso: se non sono funzionali, cancellale. Chi ti legge cerca informazioni, non esercizi di scrittura.
 

6 - Sii sintetico e semplice

Scegli parole facili, comuni ed efficaci. Evita quelle ricercate e i giri di parole: se puoi esprimere un concetto con tre parole, perché farlo con dieci? Il risultato che otterrai dilungandoti sarà solo quello di annoiare il lettore.
 

7 - Tono di voce

Studia le persone a cui ti rivolgi, o meglio i buyer persona a cui parla il brand per cui scrivi: scegli il tono adatto e mantienilo per qualsiasi comunicazione. Da un blogpost, a una newsletter a una CTA, ricordati che il tuo lettore può rimanere disorientato da un cambio di tone of voice repentino (e può abbandonarti).
 

8 - Valore

Quello che dici deve avere valore per chi ti legge. Cosa significa? Significa che quello che scrivi deve portare un vantaggio, chiarire delle ansie o promettere qualcosa. Deve esserci uno scopo in quello che scrivi.
 

9 - Sii creativo

Differenziati. Questo è lo sforzo più grande da fare. Rifuggi da tutti i modi di dire, dalle parole abusate e dalle formule convenzionali. Sforzati di creare messaggi originali che colpiscano il cuore dei lettori.
 

10 - “Emozionatevi se volete emozionare”

Questa è la regola fondamentale del marketing emozionale, espressa efficacemente da Matteo Rizzato ricercatore esperto in intelligenza emotiva. L’uomo ha la capacità di intuire e valutare le emozioni degli altri, il loro stato mentale. Dopo aver deciso cosa dire, scegli il come.

views
869
< Previous post All posts Next post >
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

Toc Toc. È ora di aggiornarsi.
La tua casella email
merita contenuti interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti gli ultimi trend del mondo digital.

No grazie. La mia casella email va bene così.
Articoli correlati
Content marketing

Oct 19, 2018

By Sandra Fernández

Transcreation, l’arte di gestire (e tradurre) le parole in un contesto globale

Content marketing

Nov 23, 2017

By Antoni Saurina

Dalle keyword ai topic: come reinventare la tua content strategy

Content marketing

Nov 10, 2017

By Laura Sánchez

Storytelling transmediale: cos’è e come si può applicare alle tue campagne digitali?

Back to top